Sito in vendita
Curare la fibrillazione atriale
 OFFERTE
 TERME IN
 CAMPANIA


 I migliori
 Trattamenti Termali
 in Campania
Educazione sentimentale a scuola
Bambini e adolescienti: la solitudine
Bulli e bullismo
Aiko: principessa vittima del bullismo
Malattie rare
Cellule staminali contro i tumori
Fibrillazione atriale
Curare le malattie vascolari
Integratori contro i radicali liberi
Vincere l'epilessia

Curare la fibrillazione atriale

Terapia del freddo per placare il cuore "impazzito"

 
 
Oggi la fibrillazione atriale, malattia che colpisce oltre 250 mila italiani, si cura a -40 gradi. A testare la nuova tecnica il Centro cardiologico Monzino di Milano, che è stato «accreditato come l'unico centro italiano certificato per praticarla», spiegano dall'istituto. Si chiama ablazione "a freddo", con crioterapia, e nel centro milanese sono stati già trattati con questa tecnica 30 pazienti.

Curati con ottimi risultati che confermano la sperimentazione di un intervento molto meno invasivo di quelli si a ora conosciuti.

I risultati, pubblicati sulla rivista "Heart Rhythm", sono stati presentati al Congresso nazionale della società scientifica Aiacs (Associazione italiana di aritmologia e cardio stimolazione) di Catania.

I camici bianchi del Monzino sfruttano le qualità del freddo "estremo", e non gli impulsi di corrente usati nell'ablazione tradizionale, per cicatrizzare gli ingressi delle vene polmonari, le più ricche di fonti di fibrillazione, nell'atrio sinistro del cuore.


L'effetto è lo stesso: si cicatrizzano le parti del tessuto responsabili della malattia, creando una barriera alla propagazione elettrica anomala. Il vantaggio è nei tempi: dimezzati rispetto alla classica termoablazione che dura circa 4 ore e richiede un'anestesia generale importante.

Per questo normalmente non viene effettuata su pazienti oltre i 70-73 anni d'età. L'ablazione a freddo ha minori effetti collaterali ed è meno dolorosa, dunque non necessita di una sedazione profonda del paziente.

La conseguenza è che sale il numero di persone a cui può essere praticata. La tecnica consiste nel posizionare agli ingressi delle vene polmonari un palloncino di 20-23 millimetri di diametro, nel quale viene iniettato un liquido refrigerante. In pochi minuti la circonferenza della vena a contatto con il palloncino subisce la cicatrizzazione dovuta alla bassissima temperatura (tra i -30 e i -40 gradi).

«Se effettuata agli esordi della malattia - sottolineano gli esperti in una nota - la crioablazione si prospetta anche come una tecnica in grado prevenire i danni che ripetuti e frequenti episodi di fibrillazione a lungo andare provocano ai tessuti del cuore, rendendo più difficile il recupero del paziente».
Cuore
 
Curare le fibrillazione
 
Fibrillazione atriale
 
 
Le informazioni qui riprodotte hanno uno scopo solamente illustrativo: non sono e non vogliono essere una prescrizione o un consiglio medico.
Terme Campania non da consigli medici.
Week end Terme spa Campania | Acque Termali | Fonti Naturali | Centri Benessere e Spa Campania | Offerte Last Minute Località Termali Campania | Viaggi Vacanze Romantiche Campania vicino al mare | Centri e Stabilimenti Termali al lago | Soggiorni Termali in montagna e vicino | Privacy Policy
terme a salerno